Domažlice

Domažlice
24. 4. 2013

Venite a conoscere Domažlice – il centro storico della regione Chodsko!

Case rinascimentali con i porticati dai più svariati colori, tradizioni e folclore ancora vivo ed una natura splendida e incontaminata. Sono queste le caratteristiche che fanno della città di Domažlice una delle mete preferite nella zona di confine tra Repubblica ceca e Germania. Il periodo migliore per visitare la cittadina è il mese d’agosto, quando, come ogni anno, si tengono le feste popolari della regione Chodsko. Potete così godere l'atmosfera della cittadina con tutto ciò che le appartiene.

Il centro storico della città è un piacere per l'animo. Si sono conservate fino ad oggi le splendide case borghesi ed altri importanti edifici, dai vari stili architettonici. Il centro città sembra proprio invitarvi ad accomodarvi in uno dei caffè.

Una cittadina pittoresca piena di folclore

Tra gli importanti monumenti di Domažlice c'è il castello dei Chod. Nell'edificio oggi potete visitare il museo dello Chodsko, vi farà conoscere la vita le tradizioni di questa particolare zona. Appartiene alla Chiesa della Nascita della Vergine Maria, sulla piazza principale, la più importante dominante della città, la torre rotonda, inclinata. Un altro elemento essenziale della piazza è la "Porta di sotto" che, con il suo aspetto fiabesco contribuisce al colorito di questo centro storico.

La regione delle guardie di frontiera

Domažlice è il cuore della regione Chodsko. Questa zona è molto ricca di tradizioni popolari, che sono rappresentate dai costumi vivaci e dal ricco folclore. I “Chod” erano un gruppo di abitanti dei dintorni di Domažlice, che avevano il compito di controllare la frontiera di terra tra la Boemia e la Baviera. Queste persone erano sudditi diretti del re che godevano, in cambio dei loro servigi, di molti benefici e privilegi.

Entro un anno ed un giorno!

Dopo la sconfitta della battaglia della Montagna Bianca gli Asburgo iniziarono a ridurre i diritti dei Chod. Il condottiero della rivolta dei Chod, Kozina, venne impiccato e 70 altre persone vennero rinchiuse in carcere su richiesta diretta del generale Lomikar. Questo, al momento dell'esecuzione capitale di Kozina udì la sua richiesta di giustizia divina "entro un anno ed un giorno". Come previde Kozina, così avvenne: l'odiato Lomikar morì esattamente un anno dopo, durante i festeggiamenti della ricorrenza dell'esecuzione di Kozina.

I vostri preferiti