I racconti incisi nella terra, ovvero parchi e giardini della Repubblica Ceca

Mentre per i loro visitatori i parchi e i giardini rappresentano un luogo dove passeggiare, riposare o magari vivere una storia romantica, per i giardinieri invece significano un’occasione per coltivare e curare piante preziose

Difficile trovare qualcuno a cui non piacciano.

Uno dei giardini più preziosi della Repubblica Ceca è il Květná zahrada di Kroměříž (nell’immagine). Creato su una superficie di 16 ettari, risale al XVII° secolo. Al suo centro si erge una struttura rotonda da cui si irradiano diversi sentieri bordati con siepi altissime e da un colonnato di statue raffiguranti Dei antichi e personaggi storici, lungo 244 metri. Un’altra struttura, chiamata la Corte d’Onore, risale al XIX° secolo ed è collegata con due serre enormi (Rustica e Tropicale) che ospitano flora tropicale e subtropicale dal valore straordinario. Nel 1998 tutto il complesso fu iscritto nella lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO.

I giardini più visitati della Repubblica Ceca sono indubbiamente quelli del Castello di Praga e di Palácové zahrady che lo collegano con la Mala Strana (Piccolo Quartiere). Questi spazi rappresentativi spesso ospitano molti eventi culturali e sociali, in alcuni si possono organizzare matrimoni. Pure il Vigneto di San Venceslao, ovvero Svatováclavská vinice che circonda la Villa di Richter, dopo l’ennesima ristrutturazione completata nel 2008, gode di una straordinaria attenzione dei visitatori. Secondo la leggenda si tratta del vigneto più antico della Boemia piantato dallo stesso principe Venceslao, patrono delle terre boeme.

Solo pochi chilometri a sud da Praga si estende un altro gioiello dell’UNESCO – il Parco di Průhonice, capolavoro paesaggistico del continente europeo. Nel parco ha un ruolo importante il ruscello Botič con le sue affluenze sulle quali furono costruite chiuse, stramazzi e rami ciechi. Questi assestamenti insieme ai laghetti artificiali “Podzámecký”, “Labeška” e “Bořín” sono stati creati per aumentare l’umidità dell’aria che influisce positivamente sulla coltivazione di coniferi e rododendri. Il parco vanta un rispettabile numero di 1600 specie di piante autoctone e esotiche,  una straordinaria collezione di 100 varietà di rododendri presenti con 8000 esemplari e cultivar. Oltre ai rododendri il parco di Průhonice è famoso come location di alcune favole ceche trasformate nei film.

La villa di Lednice deve la sua atmosfera piacevole al giardino francese e al parco inglese punteggiato dalle strutture di carattere romantico, quali per esempio minareto, acquedotto e molte altre ancora. Tutto il paesaggio attorno alla villa è stato creato dall’uomo, incluso il lago artificiale con una quindicina di isole e isolette. Le prime piante esotiche furono piantate agli sgoccioli del ‘700 avendo creato la base per la straordinaria collezione delle piante nordamericane, unica nel suo genere. Il parco è attraversato da un percorso turistico lungo quasi quattro chilometri. Da giugno alla fine di ottobre è aperta anche la navigazione fluviale sui canali del parco. Il parco con la villa, noto come l’area di Lednice-Valtice, si estende su una superficie di quasi 300 km2.

La Repubblica Ceca sfoggia molti parchi e giardini davvero unici. Tra i più noti: il Giardino botanico di Praga con la sua serra Fata Morgana, il Giardino francese della villa Kratochvíle, il Giardino botanico delle erbe curative di Hradec Králové, il Giardino delle erbe  medicinali “Bonaicus” a Ostrá alle porte della città di Lysá nad Labem. Venite per vivere al loro interno la propria storia fiabesca.