Malostranská beseda, nuova fermata turistica sulla Via Reale

Scarica la guida e la brochure
2. 4. 2013

Il progetto internazionale delle mostre itineranti ORBIS PICTUS PLAY, creato da Jiří e Radana Walda, arriva con un’altra esposizione, nuova di zecca, “Lucernai PLAY”.

Artisticamente formulata da Petr Nikl,  è una mostra di grande successo, interattiva, da toccare, con cui si può giocare o addirittura modificarla. La troverete sulla Via Reale, nel palazzo di “Malostranská beseda”.

Il progetto, presentato per la prima volta nel 2006 a Parigi, è basato sulle esposizioni interattive: Porta d’ingresso nel mondo della creativa fantasia umana, Labirinto di luce, Leporellogioco, Golem, Sensorium e PLAY ispiratesi all’opera del  pensatore e umanista  Giovanni Amos Comenio Il labirinto del mondo e il paradiso del cuore. Il copione delle mostre prende il via dalle esperienze acquisite durante le esposizioni interattive I nidi dei giochi (Galleria Rudolfinum 2000) e Il giardino di fantasia e musica, titolo dell’esposizione ceca presentata all’EXPO 2005 ad Aichi, in Giappone.

Toccare è indispensabile

La straordinarietà della mostra, già settima organizzata nel quadro del progetto ORBIS PICTUS PLAY, consiste nel fatto che il visitatore viene coinvolto nel gioco facendo “vivere” gli oggetti della esposizione. Quelli sono veri e propri strumenti, dai quali deve nascere un’opera dopo che è stata impiegata la fantasia attiva dello spettatore. In questo modo il progetto non solo rispecchia la forza di un creativo desiderio di conoscere, ma dimostra che il fenomeno del gioco è in grado di funzionare come un universale strumento di comunicazione a prescindere dalla nazionalità, religione o età, materializzando e sviluppando in questo modo le sempre vive idee di Giovanni Amos Comenio.

La parte principale dell’esposizione Lucernai PLAY è rappresentata da cinque mansarde con cinque lucernai che concedono una vista magica sulla chiesa di San Nicola e la piazza Malostranské náměstí. Alcuni strumenti rendono le mansarde comunicanti, altri sono disposti sul pavimento e alcuni appesi al soffitto come pipistrelli.

La mostra è programmata come un’esposizione variabile che tutte le volte offre ai suoi visitatori spunti diversi.

I vostri preferiti