Žleby

21. 5. 2013

Il conte propose la ristrutturazione neogotica all’insegna del detto „La mia casa è il mio castello“

Si mise a cercare in tutta Europa le antichità di lusso, da quadri e mobili fino a tappeti, vasellame, cristallo e armi storiche per arredare la sua residenza nei minimi particolari fedeli all’epoca di cui era sperdutamente innamorato. C’è però da dire che per la vita quotidiana della sua casa „medievale“, in cui amava indossare l’armatura del cavaliere, non esitò a scegliere tutte le comodità offerte dalla tecnologia più moderna.

Perché visitarlo

Vincent Karel Auersperg, romantico e piuttosto eccentrico nobile signore affascinato dalla tradizione della vecchia Inghilterra, trasformò nell’800 il suo castello in una residenza cavalleresca come se si fosse materializzata dal romanzo di W. Scott.

Due percorsi di visita guidata presentano ai visitatori non solo le sale di lusso, il teatro, la torre panoramica e l’armeria che sfoggia una delle più grandi collezioni d’armi in Europa incluso un cavaliere a cavallo completamente armato, ma anche uno sguardo interessante nell’attrezzatissima cucina, gli ingegnosi servizi igienici o labirinti sotterranei delle vecchie cantine del castello.

I vostri preferiti