Rudolfinum

28. 7. 2014

Sede decorosa della Filarmonica Ceca e spazi espositivi di ottimo livello

Da più di 100 anni il Rudolfinum fa parte della Città Vecchia di Praga e del suo lungofiume. È un eccellente esempio di architettura neorinascimentale della fine del XIX secolo con sale da concerto dall’ottima acustica, utilizzate per concerti importanti ad esempio nell’ambito dell’annuale festival di musica classica Primavera di Praga.

Dai concerti alla Camera dei Deputati e ritorno

L’edificio, uno dei più importanti di Praga dal punto di vista architettonico, è sorto negli anni 1876–1884 come centro culturale polivalente ed è stato chiamato Rudolfinum in onore del principe ereditario Rodolfo. Una sala da concerto, ora sala Dvořák, è stata usata dalla Filarmonica Ceca a partire dal 4 gennaio 1896, quando si è esibita per la prima volta sotto la guida di  Antonín Dvořák, compositore e direttore d’orchestra. Il Rudolfinum è stato usato per gli originari scopi culturali fino al 1919, quando è stato trasformato in Camera dei Deputati della Repubblica Cecoslovacca. Durante la seconda guerra mondiale l’attività concertistica al Rudolfinum è stata ripresa. La riabilitazione completa dell’edificio, soprattutto della zona della galleria, si è avuta però solo nel 1992, quando in seguito a una ristrutturazione generale dell’architetto Karel Prager il Rudolfinum è diventato sede della Filarmonica Ceca e Galleria Rudolfinum.

I vostri preferiti