Grotte di Koněprusy

Grotte di Koněprusy
19. 7. 2013

Entrate nelle viscere della terra nelle grotte di Koněprusy!

Entrate in questo paesaggio di drammatici strapiombi, profondi canyon e ripide pareti di roccia, che nascondono al loro interno un mondo affascinante di grotte dalle ricche decorazioni calcaree. Le grotte di Koněprusy, distanti solo 30 km da Praga, non sono solo il sistema di grotte conosciuto più lungo in Repubblica ceca, ma anche una località avvolta da leggende.

Era il 1950, quando sul pendio sudoccidentale della collina "Cavallo d'oro", brillarono le cariche che permisero agli operai di scoprire, nella parete della cava, l'apertura delle grotte. Iniziarono, nel loro tempo libero, a liberare diversi metri di passaggio dalle macerie, strisciarono allargando i passaggi, fino a quando giunsero in una splendida sala di stalattiti e stalagmiti, con un profondo dirupo a camino.

Della donna avara che diede il nome alla collina

Come mai la collina si chiama "Cavallo d'oro"? Si narra che nel vicino castello vivesse una donna cattiva e avara, decisa ad impadronirsi di un tesoro nascosto negli strapiombi rocciosi della zona. Avrebbe dovuto però dapprima ingannare lo spirito guardiano che, dice la leggenda, avrebbe dato la ricchezza solo a colui che avesse avuto capelli d'oro e pugno di acciaio. Per questo motivo si fece fare una parrucca d'oro ed un guanto d’acciaio e si recò a cavallo fino alla parete rocciosa. Da allora si persero le sue tracce. Quando la sua serva, con il suo amato, si misero a cercarla, la trovarono immobile sul suo cavallo, poiché lo spirito, arrabbiato, li trasformò in oro. Lo spirito però non si accanì contro i due giovani. Al contrario, premiò la loro onestà: la ragazza aveva infatti i capelli d'oro ed il suo amato, grazie alla sua forza, un pugno di acciaio.

Ammirate le rose vecchie un milione di anni !

Quando entrerete nelle misteriose viscere della terra, incontrerete stalagmiti e stalattiti di ogni aspetto, angoli oscuri e la specialità del luogo: le belle rose di Koněprusy, che, risalendo ad oltre un milione d’anni fa, sono la parte più antica della ricca decorazione naturale. Sorsero quando in questa zona il clima era tropicale.

Attenti ai pipistrelli!

Le grotte di Koněprusy non nascondono solo una ricca decorazione calcarea, ma sono stati trovati anche resti di ossa di animali e di uomini preistorici. Le grotte hanno anche oggi i loro abitanti; soprattutto nei mesi invernali ci vivono i pipistrelli. Nelle grotte venne anche trovata una zecca clandestina, con la quale, nel Medioevo, venivano falsificati i talleri d'argento degli Ussiti, con il simbolo del leone ceco. Meritano una visita anche i dintorni delle grotte di Koněprusy. Da non perdere sicuramente la visita del castello ceco più famoso, Karlštejn, fatto erigere dall'imperatore Carlo IV per i gioielli della corona ceca. Lo spirito medioevale, però, si respira nel castello di Křivoklát, uno dei più antichi della Repubblica ceca.

I vostri preferiti